Il tuo CORPO ha bisogno di MOVIMENTO...per non diventare un “appendianima”!

Vai ai contenuti

Il tuo CORPO ha bisogno di MOVIMENTO...per non diventare un “appendianima”!

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Prof.ssa Angela Bini in DIDATTICA E DINTORNI · 20 Gennaio 2022
Tags: sportbenesseredepressione
Considerare il corpo un appendianima”, sempre per chi crede nella componente non solo psicologica dell’essere umano, ma anche fisica e materiale, è errore commesso da tanti.
Mi piace il termine coniato dalla mia iperattiva fantasia: Appendianima!
Una specie di gruccia fatta di ossa, muscoli ed articolazioni a cui nervi assopiti ed impigriti da un cervello nato stanco impediscono il movimento.
La si indossa al mattino, come pantofole da uno scendiletto, per appenderci, appunto, la propria anima, costretta a vivere stretta in un corpo incapace di volare.
E non occorrono ali per spiccare il volo! Basta muoversi, dare sfogo a tutti i gesti necessari alla buona salute, attraverso l’attività fisica. In fondo il cervello obbedisce alla volontà.



E questa, chi non l'ha? E' un dono dato a tutti , anche se esercitata da pochi, purtroppo.
Si preferisce fisicamente sopravvivere. E si muore dentro.

Ci si limita a compiere quei pochi gesti giornalieri e consueti, incompleti ed insufficienti, al buon funzionamento del corpo, piuttosto che impegnarsi in uno sforzo maggiore che richieda più battito e respiro.

Ed è cosi che arrivano tutti quei dolori a cui non si sa dare, poi, una spiegazione.
Ci si lamenta, denigrandolo quel meraviglioso involucro corporeo dotato di tutti i comfort, ma trascurato e mortificato, da divenire imperfetto e dolorante.
Palestre e luoghi all’aperto attendono chi crede nei benefici del movimento.
Ma se anche quella famosa volontà di vestire una tuta ed un paio di scarpette da ginnastica, o jogging, dovesse mancare, anche un piccolo spazio casalingo può bastare per ricordarsi di avere avuto in dotazione, non un appendianime, ma un corpo da educare e rispettare.
Un corpo da rinvigorire col movimento, e non far arrugginite con l’assenza di esso, perché  possa dare a quell' anima, o spirito, resi inermi, senso e vitalità.
L'esercizio dell' allenamento alla volontà è semplice: da lì tutto parte.   
                                     
Docente di Educazione Fisica e Insegnante di Danza e Pattinaggio a Rotelle

Continuate a seguire
Tra sacro e profano... consigli utili e approfondimenti per scoprire di più su quello che c’è oltre una cattedra     



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2022
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti