Professionisti online - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Diventare GENITORE in piena PANDEMIA da COVID19: quante PAURE per mamma e papà!

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Dott.ssa Roberta di Lernia in PSICOLOGIA · 10 Gennaio 2021
Tags: gravidanzacovidmaternità
Stiamo vivendo un momento difficile, dominato dall’incertezza, dalla paura, dalla confusione, un momento di emergenza sanitaria e psicologica che può indurci a provare emozioni come ansia, paura, tristezza e solitudine. In un periodo così particolare, in cui nulla è come prima, in cui assistiamo ad una continua ed imprevedibile trasformazione, molte coppie “coraggiose” scelgono la Vita e decidono di mettere al mondo un figlio.
Arianna e Giovanni scoprono attraverso un test di gravidanza che il loro desiderio di essere genitori potrà finalmente concretizzarsi: si guardano increduli, sono felici, si sentono al settimo cielo, iniziano a fantasticare il loro bambino/a, ma oltre la gioia per la lieta ed inaspettata notizia, subentra la paura per Arianna di dover affrontare la gravidanza in un tempo, così pericoloso, come quello del Covid 19.
Arianna immagina i 9 mesi di gravidanza senza avere la possibilità di poter ricevere aiuto da parte di sua madre e delle sorelle a causa dell’obbligo del distanziamento sociale, delle visite ginecologiche che dovrà necessariamente affrontare senza suo marito ed in particolar modo è spaventata dal momento del parto, non solo perché, essendo il primo figlio, è un’esperienza nuova per lei ma anche perché dovrà affrontare quel momento così delicato probabilmente senza aver la possibilità di essere accompagnata in sala parto e supportata dal punto di vista psicologico da suo marito.



Anche Giovanni appare preoccupato tanto da domandarsi se la scelta di avere un bambino in un momento storico di questo tipo sia davvero la scelta giusta.
Nell’arco di pochi minuti la scoperta di essere in attesa del loro tanto desiderato bambino si trasforma per i due giovani in un momento di gioia misto ad ansia e paura ma anche di rabbia e sensi di colpa. Infatti si chiedono: ”proprio in questo momento di gioia immensa per noi, doveva accadere questa emergenza sanitaria? E se contraessimo il virus e contagiassimo il bambino?”

I dubbi e le paure di Arianna e Giovanni accumunano tante coppie che in questi mesi hanno scelto coraggiosamente di diventare genitori.

I neo genitori dovrebbero essere accompagnati in questa fase della loro vita e supportati, dal punto di vista psicologico, attraverso un attento ascolto dei dubbi, delle domande e delle insicurezze, cercando di aiutare le coppie a ricostruire le immagini, le aspettative e i desideri relativi alla gravidanza, al parto e al post-parto. Aiutare le neomamme ed i neopapà  ad esplorare la complessità di quello che stanno vivendo, senza ridurlo a frasi come “andrà tutto bene”, permette di imparare ad accettare le emozioni, non solo positive, ma anche quelle considerate negative in quanto sono fonte di sofferenza, trovando in questo modo uno spazio sicuro  in cui poter condividere le proprie paure e difficoltà e poterle affrontare insieme.

Psicologa, Specializzanda in Psicoterapia Cognitiva

Continuate a seguire "Psicologia"
La mente è solo una delle porte sulla vita...
                   



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2021
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti