Ascolto Attivo Empatico: quella rara Capacità di mettersi nei panni dell’altro

Vai ai contenuti

Ascolto Attivo Empatico: quella rara Capacità di mettersi nei panni dell’altro

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Dott.ssa Francesca Tiseo in PSICOLOGIA · 13 Agosto 2022
Tags: ascoltocomprensionecomunicazione
La capacità di ascoltare, in psicologia, è considerata una competenza comunicativa fondamentale, essenziale per instaurare relazioni soddisfacenti con gli altri.
L’ascolto attivo richiede la capacità di mettersi nei panni dell’altro, cercando di cogliere i suoi pensieri e sentimenti, oltre che l’espressione di quanto compreso con calore e accettazione. L’ascolto empatico ha significato nel momento in cui la persona che lo realizza è capace anche di rimandare a chi ha di fronte la comprensione del discorso ascoltato.
Per allenare l’ascolto attivo empatico ci sono diversi modi, tra cui:

    1. Ripetere      le parole dell’interlocutore, utilizzando formule      come “stai dicendo che…”, “in altre parole…”, “così secondo te…”;
    2. Rispecchiare      le emozioni dell’altro: a partire dai segnali      che provengono dalla comunicazione non verbale e che segnalano lo stato      emotivo dell’interlocutore, è possibile mostrarne comprensione con frasi      del tipo “mi sembra di percepire una tua preoccupazione”, “ti vedo un po’      arrabbiato”;
    3. Chiedere      spiegazioni: fare domande che sottolineano un      genuino interesse per le parole dell’altro aiuta a esprimere il nostro      coinvolgimento, oltre che a chiarire alcuni punti fondamentali del      discorso.
    4. Riepilogare      il discorso dell’interlocutore: riportare un piccolo      riassunto di ciò che si è ascoltato, per mostrare che si è ben capito il      messaggio della persona che abbiamo di fronte.

L’ascolto attivo permette di consolidare il rapporto tra chi comunica, incrementando il reciproco rispetto e accettazione.


Insomma, tutto questo perché ASCOLTARE è diventata azione di pochi, non si ascolta più per capire l’altro, ma per rispondere e magari spuntarla in una situazione. La gente ha bisogno di essere ascoltata, ha bisogno di sentire che chi è di fronte ha percepito il suo stato d’animo, spendiamo qualche minuto della nostra vita ad ascoltare e ne ricaveremo sicuramente anche noi una bella soddisfazione.

Francesca Tiseo
Dottoressa in Scienze e Tecniche Psicologiche
Ricercatrice di Verità

www.cittadellinfanzia.it
Continuate a seguire Pensieri e Parole
pensieri e le parole del cuore...
       



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2022
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti