“Nella BUONA e CATTIVA sorte”, ma è sempre così?

Vai ai contenuti

“Nella BUONA e CATTIVA sorte”, ma è sempre così?

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Prof.ssa Angela Bini in DIDATTICA E DINTORNI · 23 Marzo 2022
Tags: divorzioseparazionecoppiaamore
Sempre meno numerose sono le coppie di coniugi, salde di valori, capaci di sostenere il peso di una quotidianità di doveri e responsabilità.
Colpi di scena inattesi di uno spettacolo, chiamato matrimonio, sconvolgono, destabilizzano figli traditi da uno o dall'altro genitore, indotto dal proprio ego a distruggere quanto costruito con volenteroso e perseverante impegno.
Un impegno, però, magari solo esibito, e non pienamente voluto e sentito, da uno dei due, se può bastare una distrazione amorosa o sbandata, a far demolire un’intera costruzione … ancora tutta da costruire, perché una vita di coppia e famiglia, se ha un inizio, mai dovrebbero avere una fine se sorretta dalla reciproca fiducia ed amore.
Nessuna maturità, ormai, si constata in uomini o donne, incapaci di comprendere che ciò che unisce due persone su un altare o una stanza municipale, subisce cambiamenti e trasformazioni nel tempo. Il famoso batticuore dei primi giorni, anni e mesi, diventa certezza di ritrovarsi sempre l’uno accanto all'altra, qualunque cosa accada. Nella famosa "buona e cattiva sorte" … tenendosi per mano, pur camminando distanti, non inciampando nelle insidiose trappole tese dalla zizzania dell’incoerenza.



Sì, perché è il perseverare nei sentimenti, oggi, a fare la differenza tra la verità del cuore e sua apparenza. Separazioni e divorzi, nell' odierna società, han preso il posto dei vincoli seri e forti di una volta.
       

“Con viltà e leggerezza, si fugge,
 
e tutto si distrugge.
 
Si preferisce l'incerto al certo.
 
L'effimero alla sostanza.
 
L'affettiva saggezza all'ignoranza.
 
Lo stordimento al vero trasporto o sentimento.

 
E così chi continua a credere nell' amore vero si ritrova ad essere stato protagonista di un sogno o illusione.
 

“Un sogno che pensava condiviso, ma che si rivela essere ... a senso unico.
 
Che il bene possa prevalere sul male!
 
Che il mondo si ravveda!
 
Che l'uomo smetta d'esser cieco, e finalmente veda!
 
Che la sua anima, della tentazione, non diventi facile preda!
 
Che nelle famiglie regni l'amore di coesione, e non di opportunistica convenienza e sopportazione!”.
 

Docente di Educazione Fisica e Insegnante di Danza e Pattinaggio a Rotelle

Continuate a seguire .
Tra sacro e profano... consigli utili e approfondimenti per scoprire di più su quello che c’è oltre una cattedra
         



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2022
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti