Professionisti online - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Vuoi cambiare? Allora, AGISCI! Non esiste pensiero senza azione...

Cittadellinfanzia
Pubblicato da dott.ssa Iolanda d'Abbruzzo in APPRENDIMENTO · 26 Giugno 2020
Tags: volontàazioneforza
Avere consapevolezza di sé, stare bene con se stessi e con gli altri, sono i presupposti fondamentali per raggiungere una condizione di felicità.
La felicità non è un traguardo da raggiungere una volta per sempre, bensì è una predisposizione interiore dell’uomo ad impegnarsi nel corso della propria esistenza con positività e con capacità costruttiva, apprezzando tutto ciò che di buono la vita ci offre ogni giorno.


Quindi la felicità è una vita ricca di senso, pur nella consapevolezza della nostra fragilità di esseri umani e non va confusa con il raggiungimento del piacere immediato, ma dev’essere uno star bene sempre, quindi una soddisfazione duratura.

La felicità deriva dal vivere la vita nel miglior modo possibile senza crederla una cosa dovuta, scontata, ma scoprendola ogni giorno e assaporandone ogni momento, cogliendo il significato profondo di ogni esperienza, di ogni incontro.

Durante questo percorso è necessario diventare sempre più consapevoli del proprio valore di persona, della propria visione della vita, della propria mission, dei propri ideali e valori. Spesso il carattere o le nostre paure ci bloccano e temiamo di non farcela, quindi desistiamo per paura di sbagliare. Ed è qui il punto.

Bisogna lanciarsi sulle cose e su eventuali progetti personali e professionali, superando i pensieri autodistruttivi perché poi, alla fine, ce la facciamo sempre e pure con il massimo, com’è accaduto in passato.

Dunque felicità significa anche rialzarsi dopo una caduta ed essere più forti di prima, perdonarsi per errori commessi in passato, lasciar andare tutto e godersi ogni attimo presente, sperando in unfuturo meraviglioso.
Per fare questo salto di qualità è necessario modificare i propri pensieri. Se facciamo gli stessi pensieri di sempre, infatti, agiremo nello stesso modo con scarsi cambiamenti nella vita. Dunque pensieri diversi che determinano azioni diverse per ottenere risultati differenti.
Detto ciò, è fondamentale porsi queste domande:

  • Come mi sento?
  • Come sto?
  • Quello che ho è quello che voglio veramente?
  • Cosa mi piace fare?

Quindi decidere cosa si vuole veramente e come ottenerlo.
Per iniziare a realizzare ciò che vogliamo dobbiamo desiderarlo fortemente e vederlo come già realizzato, lasciando andare tutto il resto che non serve alla realizzazione dei propri sogni e che ci fa solo perdere tempo.

Per cambiare in meglio dobbiamo anche agire! L’azione è fondamentale compagna del pensiero. Pensare va bene, ma i pensieri da soli non bastano.

La chiave del successo è saper attendere il momento giusto restando sempre proattivi, confidando nel tempo e nelle proprie forze e capacità, munendosi di tanta pazienza e fiducia che tutto ciò che è bello accadrà!

Pedagogista Consulente Filosofico, Bioetico e Pedagogico

Chiedi alla pedagogista di "Apprendimento e Relazioni". Leggendo attraverso anima e relazioni
          



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti