Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

TUTTE LE DONNE HANNO LA CELLULITE

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in SPIRITO ARTISTICO · 30 Novembre 2018
Tags: cellulitetessutoadipedonna
A causa della presenza di estrogeni la donna ha maggiore predisposizione alla cellulite piuttosto che di tessuto adiposo. Il tessuto adiposo rappresenta semplicemente l’aumento di volume degli adipociti, cioè il grasso in eccesso, più facile da ridurre seguendo una corretta alimentazione, bevendo 2 litri di acqua al giorno, facendo attività fisica.                                                         
La cellulite, in realtà, non rappresenta semplicemente un inestetismo, ma può diventare una vera e propria malattia. Possiamo classificarla in:

1.    cellulite fibrosa (dura), tipica delle donne giovani, caratterizzata da pelle a buccia d’arancia, dolente al tatto, più facile da trattare.
2.    cellulite molle (flaccida), tipica della donna matura, presenta ritenzione idrica, rilassamento cutaneo, tessuto molle.

Ottimo supporto per migliorare il “DISTURBO” della cellulite è:
·         avere una corretta alimentazione;
·         eseguire regolare attività fisica;
·         bere 2 litri di acqua al giorno;
·         sottoporsi ad un massaggio linfodrenante a settimana;
·         utilizzare apparecchiature specifiche come ultrasuoni, pressoterapia, onde                d’urto,infrarossi, radiofrequenza e tanto altro.

Ad ogni inestetismo un rimedio! Anche se difficile da trattare, a causa del rallentamento del metabolismo, e quindi conseguente rallentamento nel risultato finale, sarebbe necessario rivolgersi ad un professionista del settore. Ovviamente il successo del risultato varia da donna a donna. Non esistono i modelli di perfezione a cui i media ci hanno abituato!

- Make up artist, operatrice olistica   
Continuate a seguire " Spirito Artistico" L’arte che comunica emozione attraverso le mani...
                       



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti