crisifinanziaria - Professionisti online - Città dell'Infanzia

Entra nel sito di cittadellinfanzia
Vai ai contenuti

Menu principale:

MORATORIA BANCARIA. COME SOSPENDERE IL MUTUO

Città dell'Infanzia
Pubblicato da in INFORMATIVE FISCALI E LEGALI ·
Tags: sospensionedelmutuocrisifinanziaria


Già a partire da alcuni anni, e fino al 31 dicembre 2017 salvo proroghe, è possibile per le piccole e medie imprese operanti in qualsiasi settore, ma anche per le famiglie italiane, in crisi finanziaria conseguente a determinati avvenimenti sfortunati, sospendere la rata del mutuo per un certo periodo di tempo, allo scopo di consentire ai soggetti interessati di avere un margine di ripresa per regolarizzare le proprie finanze. Attualmente, la nuova moratoria bancaria consente anche agli imprenditori ed alle famiglie che ne hanno già usufruito, di richiederne una seconda, a patto che la prima non si sia ottenuta negli ultimi due anni.
La sospensione non comporta more o il pagamento di altre commissioni, ma prevede il pagamento della quota di interessi, in base alla scadenze stabilite dal contratto di mutuo sottoscritto con l'istituto bancario di riferimento. Le piccole e medie imprese che, dunque, si trovano in temporanee condizioni di tensione finanziaria e che al momento della presentazione della domanda sono "in bonis", potranno richiedere alle proprie banche:

  • una sospensione del pagamento della quota capitale per:
  • massimo 12 mesi per i finanziamenti;- 6 o 12 mesi per i leasing (mobiliare o immobiliare);
  • l'allungamento della durata dei finanziamenti (no leasing) a medio-lungo termine di massimo: - 3 anni per i chirografari; - 4 anni per gli ipotecari;
  • l'allungamento delle scadenze di crediti a breve termine certi e esigibili fino a 270 giorni massimi.

Il tasso di interesse rimarrà invariato e senza la necessità di garanzie aggiuntive per le PMI che non registrano difficoltà nel rimborso del prestito.
Le famiglie richiedenti la moratoria non devono avere un reddito ISEE superiore a 30.000 euro e l'ammontare del mutuo deve essere di massimo 250.000 euro imputabile all'acquisto di un immobile da adibire a prima casa e non catalogabile come immobile di lusso.
L'elenco delle banche che hanno aderito all'iniziativa sono disponibili sul sito dell'ABI.

 - Commercialista

Per saperne di più chiedi al commercialista di
Per non rimanere impreparati di fronte alle possibilità...



APS Città dell'Infanzia C.F. 92072340729
Torna ai contenuti | Torna al menu