Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

GRAVIDANZA INASPETTATA E ADOLESCENZA : L'ESPERIENZA DI VIVERE IN UN LIMBO

Cosa c’è di più bello che scoprire attraverso un test di gravidanza che si aspetta un bambino? Per la maggior parte delle donne è un momento indimenticabile, tanto desiderato e pieno di gioia per l’esperienza che si andrà a vivere. Non c’è notizia più bella di questa da condividere con parenti e amici. Per una ragazza adolescente questa scoperta può essere, al contrario, un momento difficile, pieno di paure, di dolore e di ansie, l’inizio di un limbo dal quale, indipendentemente dalla scelta di portare avanti la gravidanza o meno, ne uscirà sicuramente cambiata. L’adolescenza è un periodo di transizione tra l’infanzia e l’età adulta, un periodo di importanti cambiamenti fisici e psicologici associati alla pubertà e alla preparazione per i ruoli, i privilegi e le responsabilità dell’età adulta. È il periodo in cui si vivono le prime storie d’amore e i primi rapporti sessuali.

SPORT PER TUTTI E DI TUTTI

Lo Sport è da sempre sinonimo di inclusione, socializzazione, divertimento e competizione, anche per i bambini e adulti diversamente abili. Esistono infatti diversi sport che possono essere praticati. Esiste una classificazione ufficiale per gli sport per disabili è un sistema sviluppato dal Comitato Paralimpico Internazionale con lo scopo di creare delle specifiche categorie per gli sport per disabili, basandosi sulla tipologia ed il grado di handicap degli atleti. L'appartenenza ad una classe viene determinata attraverso un processo che può includere valutazioni e osservazioni sia fisiche che tecniche, in occasione di una competizione o durante un periodo di riposo dell'atleta. Le classi sono definite per ogni sport e sono parte integrante del regolamento sportivo. Tradizionalmente, gli atleti paralimpici vengono classificati secondo sei diverse classi: amputazioni, paresi cerebrali, difficoltà visive, lesioni spinali, handicap intellettuali e un gruppo che include tutti quelli che non rientrano nelle precedenti categorie.

CHI È MARIA MONTESSORI

Nel 1924 ha origine la Fondazione dell’Opera Nazionale Montessori eretta come Ente Morale e volta alla conoscenza, alla diffusione, alla attuazione e alla tutela del suo Metodo. Maria Montessori è stata la prima a proporre dei cambiamenti all’interno delle scuole e la fondazione delle “Case dei Bambini” ne è stata la sua pietra miliare: viene cambiato l’arredamento, oramai leggero e proporzionato ai bambini; si propone lo sviluppo dell’attività ludica, attività che attraggono il bambino per la promozione del piacere e del benessere, usando materiali e oggetti che stimolano i bambini in tenera età, periodo in cui “la mente assorbente” è predisposta naturalmente ad inglobare gli stimoli esterni.

TI VOGLIO BENE PROF

Sentirsi amati e capiti crea uno stato di benessere o "agio interiore" capace di predisporre positivamente perfino l'alunno più in difficoltà, sia per disturbi caratteriali che per disturbi neurologici. A nessun alunno sfugge mai un gesto d'amore a lui rivolto, quale può essere anche un semplice sorriso o sguardo di vero interesse. Non c'è miglior metodo di quello che suggerisco ad un insegnante di dedicare un po' del suo tempo lavorativo ad ognuno dei suoi alunni, ponendo attenzione alle individuali problematiche e confusioni, o paure e solitudini.

L'EQUIPE SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA A SCUOLA: UNA NECESSITÀ INDISCUTIBILE!

Tra le tante belle ed utili cose che, strada facendo, la scuola ha tristemente perso, c'è l'equipe qualificata a livello psico-pedagogico, di supporto ai docenti che, inaspettatamente, si trovano ad affrontare situazioni particolari di alunni sofferenti, a causa di problematiche di difficile gestione personale, come una separazione, o un male oppure, addirittura, un'improvvisa perdita di un genitore.

CHE COS'È LA FIBROSI CISTICA

La fibrosi cistica (mucoviscidosi) è oggi la più frequente malattia genetica che causa mortalità precoce. La fibrosi cistica colpisce circa 1 neonato su 2700 ed è provocata da mutazioni in un gene che codifica una proteina che svolge la funzione di canale del cloro (detta CFTR, acronimo di Cystic fibrosis transmembrane conductance regulator).
Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti