Professionisti online - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Sono perdutamente innamorata del mio cane. Un amore confuso e straordinariamente coinvolgente...

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Dott.ssa Patrizia Castellano in PET-THERAPY E SOCIALE · 24 Luglio 2020
Tags: canepetamoreanimali
Cari lettori, credo di essermi innamorata! È un tipo strano, giovane, bello come il sole,  intelligente. L’ho incontrato 18 mesi fa: devo dire che non è scattato subito l’amore, piuttosto un colpo di fulmine. Condivide tutto con me, è del mio stesso segno zodiacale, lavora con me, la pensa come me, mi ama e mi rispetta, mi consola nei momenti bui, mi segue ovunque, troppo per me, qualcuno ha detto “non te lo meriti”, forse ha ragione… È forte, possente, ama la vita, non pensavo proprio che potesse accadere!

Il suo sguardo è tenebroso, i suoi occhioni neri alle volte diventano languidi, a forma di cuore e colmi di amore.

Ha lo spirito della gioventù, alle volte mi sembra di rubargli l’anima, l’essenza della vita, in alcuni momenti lo evito perché non mi sento pronta a tanta vitalità, in altre circostanze, invece, lo vorrei mandare via, perché, forse, non merito tanta gioia e allontano da me quello che potrebbe essere  un dono della vita… per non soffrire…  


                                            
È il mio respiro ed ho paura di non saper respirare bene, ma solo per lui… è come se avessi paura di amare… Amare è dolore e fa paura, penso di non essere degna, perché lui ha un cuore puro e io no… Amare significa capirsi ed io, alle volte, non lo comprendo…

Amarlo significa mettersi in allineamento con lui, costruire una solida relazione,  amarlo è tanta roba… lui tira fuori tutti i miei limiti, le mie ansie, le mie incertezze…

Alcune volte, lo confesso, ho paura che i miei tanti anni possano influenzare male la sua gioventù, ho paura di non essere in sintonia con lui!
È un amore dolce  e amaro. È un tenero brigante, luminoso come il sole, tenebroso come  la notte, ostinato come un mulo, potente come Sansone, distruttore come Attila,  libero come una libellula, fiero come un leone, pasticcione come un pagliaccio,  abile come uno “scugnizzo”.

Pensate che possa essere degna di un simile “ ragazzaccio”?

Ho sempre creduto di poter controllare  le mie emozioni, ma ho capito che non si può: è un’energia che parte dal cuore e unisce indissolubilmente e inspiegabilmente anima e mente, ti prende la vita e tu ti ritrovi impanata e fritta,  da un altro “soggetto peloso a quattro zampe”…

Equipe PetTherapy- Operatore Pet-Therapy Operatore in Zooantropologia Didattica, Educatore Cinofilo

Continuate a seguire “Pet-therapy e Sociale".
La comunicazione che va “oltre”...
                 



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti