Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Quanto dura un APPARECCHIO ACUSTICO? Diamogli lunga vita

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in SALUTE E BENESSERE · 26 Ottobre 2019
Tags: protesiorecchioudito
Una delle domande più frequenti che in sede di consulenza un paziente pone all'audioprotesista riguarda la durata della protesi acustica, o meglio, dopo quanto tempo è necessario cambiare l'apparecchio che si sta per applicare. In linea di massima la durata media di questi dispositivi va dai 4 ai 7 anni, ma si tratta di un’informazione valida solo in linea generica. In primo luogo va detto che uno dei motivi per cui è necessario sostituire l’apparecchio acustico dopo un determinato periodo non è legato al non funzionamento, quanto alla ridotta resa in termini di "pulizia dei suoni amplificati", poiché l’usura delle protesi ne riduce la qualità del suono.

Altra variabile importante è data dalla manutenzione e dalla pulizia dei dispositivi che deve essere quotidiana.

Il cerume, infatti, è uno dei motivi di malfunzionamento più frequenti e spesso determina un guasto degli apparecchi acustici, poiché va ad ostruire il microfono o il ricevitore. Questo fenomeno è ancora più evidente in estate, essendo il cerume una sostanza grassa, in questo periodo si scioglie più facilmente infiltrandosi all'interno della protesi con conseguente danno alle componenti elettroniche che la costituiscono. Stesso dicasi per la sudorazione.

Dunque è importante che un apparecchio venga pulito quotidianamente e venga asciugato ogni qualvolta si bagni.

Discorso a parte va fatto per le possibili variazioni della perdita uditiva che in alcuni casi possono essere piuttosto rilevanti.



Benché la scelta di una protesi auricolare venga fatta tenendo conto di una possibile variazione della capacità uditiva, e quindi di avere una certa tolleranza nelle regolazioni, qualora il peggioramento uditivo superasse certi limiti, l'apparecchio in dotazione non sarebbe più sufficiente. Concludo con alcuni consigli per una lunga durata delle protesi acustiche:
   
    • pulire quotidianamente gli apparecchi acustici mediante specifici prodotti che è possibile trovare presso il proprio centro audioprotesico;
    • asciugare il sudore e deumidificare gli apparecchi acustici (esistono anche in questo caso prodotti specifici);
    • importante mantenere sempre una corretta igiene del condotto uditivo;
    • evitare di far cadere o urtare gli apparecchi acustici.
     

Importante è effettuare un esame audiometrico almeno una volta l'anno, mentre una volta al mese sarebbe opportuno programmare una piccola visita di controllo presso il proprio centro acustico: il vostro audioprotesista saprà dirvi di più sullo "stato di salute" dell’apparecchio acustico.

Audioprotesista Master di specializzazione in
Protesizzazione e Riabilitazione Uditiva Infantile

Chiedi all'esperto di .
La salute NON può essere un’opzione

  



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti