Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Qualche volta drogatevi di SILENZIO e circondatevi di persone giuste al momento giusto

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in SALUTE E BENESSERE · 17 Luglio 2019
Tags: silenziofollaacustica
La facilità di una conversazione, come ben noto, è legata sicuramente alla capacità e all'integrità della funzione uditiva, ma anche ai fattori ambientali in cui quotidianamente siamo sottoposti nello svolgimento della vita di relazione. Dialogare all'interno di alcuni ristoranti o locali pubblici particolarmente affollati e con un volume di musica di sottofondo importante, infatti, diventa difficile per moltissime persone, e in maniera più accentuata per chi soffre di un deficit uditivo (portatore o meno di apparecchi acustici). Nel settore della ristorazione non si dedicano particolari attenzioni a questa situazione, sebbene si scelga di incontrarsi nei locali pubblici, anche e soprattutto per spirito di convivialità. Sono vari gli aspetti da considerare come distorsivi di una efficiente conversazione, a causa di un'acustica ambientale non proprio valida.

Innanzitutto, è bene tener presente che nei locali affollati si genera una sommatoria di fonti rumorose, date dalla musica di sottofondo, oltre che dal rumore elettrico dei vari impianti tecnologici e delle ventole dei condizionatori.

A questo si deve aggiungere il tipico effetto a catena per cui ognuno tende a parlare a voce più alta quando c’è già qualcun altro che parla. Per quanto riguarda i fattori ambientali, bisogna considerare come determinante il riverbero, o più comunemente "effetto eco".



Si tratta di un fenomeno acustico favorito soprattutto in ambienti molto ampi e con superfici riflettenti, tipo vetrate e soffitti in cartongesso, non trattate con apposito materiale fonoassorbente.

Alcuni studi hanno stimato che in simili situazioni, i suoni ambientali si possono propagare nell'aria per tempi molto più lunghi di un secondo (anche due secondi e mezzo in ambienti particolarmente sfavorevoli), oltre al fatto che si raggiungono facilmente gli 80-85 dB di rumore ambientale costante, a fronte dei 65dB che sarebbero necessari per un ascolto confortevole.

Va da sé che la soluzione a questo tipo di situazione debba necessariamente essere ricercata su due fronti: da una parte, quindi, nella fase di progettazione dei locali (prevedendo l'installazione di adeguati pannelli fonoassorbenti), dall'altra adottando delle regole di buonsenso (evitando, ad esempio, un volume eccessivo della musica di sottofondo). A guadagnarne sarebbe certamente il piacevole ricordo di una serata passata in compagnia della gente giusta nel posto giusto

Audioprotesista Master di specializzazione in Protesizzazione
e Riabilitazione Uditiva Infantile

Chiedi all'esperto di "Salute e Benessere". La salute NON può essere un’opzione
 
 
 
   
 
 
                 



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti