Professionisti online - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Pet Therapy nelle carceri, perché “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Dott.ssa Cecilia Scaringella in PET-THERAPY E SOCIALE · 22 Agosto 2020
Tags: terapeutacanipettherapy
È un mercoledì mattina assolato. Dopo aver svolto le consuete pratiche per l’ingresso nell’Istituto Penale per minorenni di Bari, accompagnate da un agente penitenziario, attraversiamo un ampio spazio lastricato, delimitato da due campi da calcio. Siamo due umani, la dott.ssa Caterina Calamo “responsabile di progetto” di AAT (Terapie Assistite con gli Animali), ed io“conduttrice del cane” in coppia con Tata Joy, la mia giovanissima Golden Retriever, impegnata nelle AAT, agli esordi della sua carriera di co-terapeuta.
Lei, perfettamente consapevole del lavoro che sta per svolgere, indossa con fierezza la sua pettorina da lavoro con la scritta “Pet -Therapy”.
Ci aprono le porte della palestra: entriamo.
Delimitiamo lo spazio in cui si svolgeranno le attività: le sedie per i ragazzi che stanno per arrivare, la zona di comfort e di calma da cui io e Tata Joy partiremo per svolgere le attività programmate… un tappetino colorato, la ciotola dell’acqua…


Joy fa un giro di perlustrazione.
Il silenzio dell’attesa è rotto dai passi dei ragazzi ospiti dell’istituto.
Lampeggiano sguardi, qualcuno è sorridente, qualcun altro ombroso, ma ha il passo deciso di chi vuole esserci, altri ancora lontani, quasi inaccessibili.
Tutti prendono posto ordinatamente, silenziosi, gli occhi rivolti a Joy. È lei il motivo per cui sono giunti in palestra questa mattina. È in lei che sono riposte aspettative, domande miste a qualche riserva.

Il mondo interiore di ciascuno di questi ragazzi fa appello al mondo interiore di un cane, entra in “con-sonanza”, lo interroga, chiede umilmente una carezza, una vicinanza di respiro, un contatto, una rivelazione.

È questo il nostro compito di Terapeuti nelle AAT: fare da intermediari nella relazione tra utente e animale, affinchè tra soggetti appartenenti a specie diverse, scorra il fiume “salvifico” di energia che unisce tutti gli esseri viventi. Quella energia che conduce a piccoli passi di luce nel percorso della propria esistenza.
Per riuscire a intravedere questi bagliori però è necessario andare “oltre” i limiti degli stereotipi, ampliare gli orizzonti con sempre nuove conoscenze, scoprire come comunicare con il nostro compagno di vita-cane, percepirlo come messaggero di un mondo “altro”.
La dott.ssa Caterina interpella i ragazzi, ascolta le loro domande, li conduce alla riflessione sui temi fondanti  il “progetto educativo\relazionale di Pettherapy”  proposto dal Centro Orme: favorire l’apprendimento delle basi per una corretta comunicazione con il cane, attraverso il coinvolgimento personale e l’espressione delle proprie emozioni.

Impegnati nelle attività di relazione con il cane, gli utenti vivono l’opportunità di uscire dal proprio guscio, di esprimere il proprio mondo interiore, di portare all’interno del gruppo il proprio vissuto, di condividere, collaborare, partecipare.

La presenza attiva e allegra di Tata Joy, la sua voglia di collaborare, di lavorare donando tutta se stessa, il suo entusiasmo giocoso e il suo modo di irrompere gioiosamente nelle attività, scioglie le difese, suscita sorrisi, modifica la percezione di confinamento, allontana la tendenza a chiudersi in se stessi, ispira esperienze di collaborazione positiva. La sua presenza lascia balenare nel cuore e nella mente nuovi modi di essere al mondo, improntati all’autoefficacia, alla partecipazione, al dialogo. Al termine della seduta, usciamo tutti insieme dalla penombra della palestra per immergerci, impercettibilmente cambiati, nell’atrio illuminato dal sole di luglio.
Da questo lago di luce ognuno riprenderà il proprio cammino.
Tata Joy immerge il suo sguardo negli occhi di ciascun ragazzo, uno per uno li saluta guardandoli negli occhi.
Risuonano nell’aria i versi di Fabrizio De Andrè: dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”.

Logopedista- Equipe di Pet-therapy- Operatrice di Terapia e Attività Assistite

Continuate a seguire “Pet-therapy e Sociale"
La comunicazione che va “oltre”...
                         



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti