Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

NASI IN AZIONE PER IL BENE COMUNE

Cittadellinfanzia
“Mi dicono che ho un fiuto portentoso … annuso, annuso, annuso, perlustro con il mio naso e scavo, poi nuovamente annuso, percepisco, discrimino, associo, elaboro, infine … segnalo: due colpetti col muso sulla mano del mio conduttore, oppure abbaio e comunico che ho trovato! Ed è felicità, gioia, soddisfazione condivisa. Tutto qui! Per me è del tutto naturale: ho messo a servizio della famiglia a cui appartengo la mia “specialità”, ciò in cui sono bravo per natura e per allenamento. Eh sì, perché dovete sapere che la più importante fonte di informazioni per un cane proviene dalla percezione olfattiva. La mia mucosa nasale è 70 volte più estesa rispetto a quella dell’uomo. Non solo, le informazioni raccolte dalla mucosa nasale vengono decifrate da un’area cerebrale altamente sviluppata e complessa, deputata all’elaborazione degli input ricevuti.
Sin da cucciolo il mio conduttore, che poi è anche il mio compagno di vita umano, mi ha facilitato nel vivere numerose esperienze olfattive, mi ha accompagnato nell’esplorazione di differenti contesti (mare, montagna, campagna, ambienti cittadini, ruscelli).
Ci siamo divertiti molto … quante scoperte, quante conoscenze, riflessioni, abbiamo fatto insieme, classificazioni, deduzioni … che felicità poter attivare e consolidare i collegamenti tra neuroni che lavorano sull’elaborazione olfattiva!

Mi hanno detto che tutte queste attività interessanti e piacevolissime, si chiamano “allenamento”.


Beh, io mi sono sentito “vivo” ed entusiasta. Sì, perché essere al mondo con tutte le mie capacità sensoriali attive è una vera goduria. C’è un’altra dimensione che mi piace terribilmente: la collaborazione, l’appartenenza a una piccola comunità, la partecipazione ad un gruppo strutturato composto da altri cani, ma anche dall’uomo.

Per me la parola “individualismo” non ha alcun significato.

A tal proposito, vi parlo del mio conduttore umano/compagno/fratello/padre e molto altro … lui è un mito! Ci siamo incontrati, ci siamo scelti e abbiamo imparato ad ”amarci un po’, volerci bene” “partecipare”… come dice la canzone di Battisti … Dicevo, lui è un mito, perché condivide con me tutto il suo tempo, la sua casa, le sue energie. E’ propositivo, sicuro, equilibrato, coerente, affidabile. Da lui cerco indicazioni su ciò per cui lavoriamo insieme, con lui provo emozioni positive. Comunica in maniera chiara e inequivocabile. Non metterebbe mai e poi mai a rischio la mia vita e la sua, fa di tutto per tutelare il benessere e la sicurezza di entrambi. Sa benissimo che io sono immerso nel mondo in maniera completamente diversa da quanto accade nella specie umana e per questo ha imparato a conoscermi e a rispettarmi. Ci comprendiamo con uno sguardo, la sua presenza mi incoraggia e mi rassicura. Io e i miei colleghi /collaboratori della Protezione Civile (cosiddetti cani da soccorso su macerie, da soccorso in superficie, da valanga, da salvataggio in acqua) siamo onorati di poter rendere un servizio utile al bene comune”.
                                
Logopedista- Equipe di Pet-therapy- Operatrice di Terapia e Attività Assistite
                                                                                        
Continuate a seguire “Pet-therapy e Sociale" . La comunicazione che va “oltre”...
 
 
 
   
 
 
 



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti