Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

L’OTTUSITÀ crea IGNORANZA e IMPEDISCE all’uomo di CONOSCERE la REALTÀ

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in SALUTE E BENESSERE ·
Tags: vitaignoranzariflessionifilosofia
Oggi vi raccontiamo una storia molto simbolica che usiamo raccontare quando vogliamo facilitare l'espansione di coscienza. C'era una volta un Feto nella pancia di una Donna. Un Angelo penetrò nella pancia per parlare con il Feto e gli annunciò: "Tra qualche tempo tu uscirai da questo posto e nascerai nel mondo! In questo mondo ci sono le persone, gli animali, le piante, i minerali, i metalli, la luce, il caldo, il freddo e tante altre cose!".
 
Il Feto non gli volle credere e gli rispose:"Tu sei solo nella mia immaginazione e stai blaterando! Non esiste niente oltre questo Mondo in cui io ora sto vivendo! Questa è la vita, oltre ciò nulla è reale".
 
L'angelo si sforzò al massimo cercando le parole più giuste:"Ha mai sentito suoni provenire da fuori, oltre questo mondo?" e il Feto:"Tutto ciò che sento viene da questo mondo, fuori non esiste nulla!".

 
L'angelo allora andò via lasciando il Feto nelle sue convinzioni.

 
Questo è quello che accade a noi in questa vita. Il Feto siamo noi, la madre è Dio e l'angelo è rappresentato dai Maestri spirituali, dai messaggeri del Signore oppure dalla nostra intuizione (le domande esistenziali).



Come il Feto non può vedere la madre fino a quando non sarà partorito, così l'essere umano non può vedere Dio fino a quando non sarà "Rinato". I Maestri spirituali, le nostre intuizioni e i messaggeri del Signore (Santi e Saggi) ci stanno ripetendo con ogni parola che esiste un "Mondo là fuori", ma noi ci comportiamo come il Feto e non crediamo a nulla e in tutto questo la Madre (Dio) ci sta nutrendo giorno dopo giorno anche se noi non crediamo nella Sua esistenza. Tutti noi dimentichiamo ciò che c'era nella pancia della nostra mamma, nessuno ne ha memoria, quindi noi dimentichiamo i mondi precedenti da cui siamo venuti... eppure quelle memorie restano stampate nella nostra anima (o se vogliamo usare termini scientifici possiamo parlare di Patrimonio Genetico o DNA). L'esercizio di oggi consiste nel riflettere su queste analogie tra Noi e il Feto. Come il Feto è intrappolato nella pancia fino ad un certo tempo, così noi siamo qui sulla terra per un certo tempo! Proviamo a immaginare l'intero mondo (e se vogliamo anche l'universo) come il liquido in cui siamo immersi in tutta questa vita "Fisica" per un tempo limitato. Gli altri esseri viventi sono nostri "Gemelli" così come il Feto può avere fratelli o sorelle nella stessa Placenta in cui egli dimora. Proviamo a "Meditare" su questo e forse la nostra coscienza ne sarà trasformata e di conseguenza tutta la nostra realtà sarà percepita diversamente.
Buona Riflessione a Voi.

 Maestro di arti marziali energetiche
 
                                                                                    
Continuate a seguire .
Corpo e mente di uniscono per il raggiungimento del benessere...



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti