Professionisti online - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

In questi giorni di FINE ESTATE, “no” alla malinconia; andiamo all’aria aperta e godiamo della natura!

Cittadellinfanzia
Pubblicato da Dott.ssa Anna Moscatelli in PSICOLOGIA · 15 Settembre 2020
Tags: naturabenesserestress
L’atmosfera di questi ultimi giorni estivi ci permette di guardare, come se fosse la prima volta, le sfumature di luci e di colori che la natura - il cielo, il mare, l’alba e il tramonto - ci offre anche nelle nostre città.
È sufficiente passeggiare in riva al mare, in campagna o soltanto alzare gli occhi al cielo, in qualunque momento della giornata, per godere dei colori di quello che ci circonda. Possiamo restarne incantati per la bellezza se ci facciamo inebriare dalle emozioni che riescono a trasmetterci.

Le sfumature cromatiche che la Natura dipinge offrono un senso di tranquillità, di pace e di benessere interiore: permettono di sintonizzarci, di nuovo, con noi stessi e con il mondo.

Può sembrare strano, ma anche in zone delle nostre città non particolarmente caotiche, lontani dagli orari di punta, in cui il fastidio di rumori improvvisi catturano l’attenzione distraendoci facilmente, possiamo sperimentare un senso di appagamento interiore soltanto guardando il cielo al tramonto o le stelle di notte.
Vivere i colori di quello che ci circonda ci fa sentire più attivi, vitali ed energici: è un modo per “ricaricare le batterie” e combattere lo stress della vita di tutti i giorni. Al contrario, stare chiusi in casa o sul luogo di lavoro per tanto tempo può renderci tristi, spenti, ci fa sentire piatti.


Lo sforzo di svegliarsi prima al mattino o rientrare a casa dopo una faticosa giornata di lavoro un po’ più tardi, per attraversare percorsi più lunghi e passeggiare all’aria aperta, sarà ripagato dalla sensazione di benessere che ne trarremo.
Anche la più uggiosa giornata lavorativa potrà trasformarsi così in un giorno di sole: sarà come vedere l’arcobaleno dopo un acquazzone.
Le sfumature di colore del mattino presto o del tardo pomeriggio incidono sul funzionamento biologico: sono “inibitori” di pensieri tristi e angoscianti e aumentano la carica di energia.
Come se il nostro organismo fosse uno strumento musicale, che deve essere accordato per avere la giusta intonazione e creare melodie armoniose, le vibrazioni cromatiche permettono di ristabilire l'equilibrio energetico per poter fare e stare al meglio.
Tutti i colori trasmettono delle sensazioni; la lunghezza d’onda di quelli ai quali decidiamo di prestare attenzione stimolano il sistema limbico, responsabile delle emozioni. I colori caldi del sole sono fonte di calore, comfort, rassicurazione.

L’esposizione ai raggi solari inoltre stimola la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che favorisce il buon umore.

Le sfumature dei colori freddi, come il blu del mare o il verde degli alberi e dei prati, trasmettono una sensazione di benessere, di tranquillità e di pace: sono distensivi, riposanti e rinfrescanti.
Lasciamoci allora travolgere e cullare dalle emozioni e dai benefici che i colori del mondo possono donarci; anche in questo periodo in cui le giornate pian piano diventano più corte e la malinconia talvolta ci coglie all’improvviso perché sentiamo avvicinarsi il freddo dell’inverno godiamo appieno della bellezza di tutto quello che ci circonda.

Psicologa e Psicoterapeuta Sistemico Relazionale e Familiare

Continuate a seguire "Psicologia"
La mente è solo una delle porte sulla vita...   
                               



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti