Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

EVASIONE FISCALE: guerra al contante o alle detrazioni?

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in INFORMATIVE FISCALI E LEGALI · 31 Dicembre 2019
Tags: fiscodetrazionitasseevasione
Il comma 679 dell'art. 1 della L. n. 160/2019 (legge di bilancio 2020) stabilisce chedal 1 gennaio 2020 la detrazione IRPEF del 19% degli oneri indicati nell'art. 15 del TUIR (es. interessi passivi mutui prima casa, spese sanitarie presso strutture private, spese veterinarie, funebri, spese per asili nido, frequenza scuole e università, assicurazioni rischio morte, erogazioni liberali, iscrizione ragazzi ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi, affitti studenti universitari, abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, etc …) spetta soltanto se il pagamento è avvenuto con bonifico bancario o postale o con altri sistemi di pagamento "tracciabili" (es. carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari).


La disposizione non si applica in relazione alle spese sostenute per:
  • l'acquisto di medicinali e di dispositivi medici;
  • prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio Sanitario Nazionale. Sono, inoltre, escluse dall'obbligo le detrazioni con percentuali diverse (es. spese per affitto per l'abitazione principale). Anche se, poi, è stata confermata la tracciabilità dei pagamenti, mediante particolari bonifici bancari, delle spese per le ristrutturazioni edilizie, recupero del patrimonio edilizio e per l'efficienza energetica.

Le detrazioni previste in caso di pagamenti tracciabili spettano interamente se il reddito complessivo non supera i 120.000 euro, mentre, se tale importo viene superato, la detrazione è parametrata all’ammontare del reddito fino a quando non superi i 240.000 euro.

È bene, infine, ricordare che seppur i soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e prestazione di servizi, anche professionali, siano tenuti a dotarsi di un POS, tale obbligo NON è assistito da alcuna sanzione.
Quindi, la domanda nasce spontanea: GUERRA al contante o alle detrazioni?


Commercialista e Revisore Contabile

Per saperne di più chiedi al commercialista di "Informative Fiscali"
Per non rimanere impreparati di fronte alle possibilità...     



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti