EROI, REALI O VIRTUALI: PER CHI PERDIAMO LA TESTA? - Professionisti online - Città dell'Infanzia

Entra nel sito di cittadellinfanzia
Vai ai contenuti

EROI, REALI O VIRTUALI: PER CHI PERDIAMO LA TESTA?

Città dell'Infanzia
Pubblicato da in SALUTE E BENESSERE ·
Tags: virtualizzazionemassarapporti
Forse a molti non piacerà ciò che troveranno scritto qui, ma invito tutti a riflettere insieme.
Oggi parliamo di personaggi famosi, nello specifico del loro potere sulla massa. Innanzitutto cominciamo con il dire che gli attori, i cantanti, i calciatori e tanti altri personaggi dello spettacolo, non stanno facendo altro che svolgere il proprio mestiere. Un cantante canta per vivere, un attore recita, un calciatore gioca, ecc ...   
Ma realmente (nella nostra realtà), che impatto hanno queste personalità sulla nostra vita di tutti i giorni? Quanto la nostra vita dipende realmente da loro?
La risposta è molto semplice: la nostra vita quotidiana non si poggia minimamente su tali personalità, tuttavia andare fuori di testa per le celebrità è molto comune e rientra nella normalità.
Ma ci sono tantissimi eroi che vivono nell'ombra, eroi che non hanno fama né gloria e non ne desiderano! Quanti scienziati di cui ignoriamo l'esistenza, quanti chimici, fisici, missionari, santi, maestri di vita, inventori e tanti altri che hanno davvero fatto cose straordinarie, ma per le quali nessuno perde la testa. Per non parlare dei contadini, minatori e tutti quelli operai il cui umile compito svolto è un pilastro per la nostra esistenza: mangiamo grazie all'agricoltore, viviamo in case grazie ai costruttori, abbiamo internet e tanti altri servizi grazie alle materie prime estratte dai minatori.

QUESTI SONO EROI, ma chi li acclama? L'essere umano dà troppe cose per scontato e commette l'errore di porre l'attenzione troppo in superficie.

Diamo importanza a determinate categorie di persone solo perché tutti lo fanno!!!
Veneriamo la foglia e guardiamo con disprezzo la radice, sbaviamo dietro una bella attrice o un bell'attore, ma guardiamo con disgusto lo spazzino che tiene pulita la strada che noi sporchiamo. Possiamo definire le celebrità come persone virtuali. Virtuali perché forse mai incontreremo nella nostra vita o, se abbiamo un po’ di fortuna, potrebbero fermarsi con noi frettolosamente, giusto per un autografo, una foto o un caffè.
Tuttavia AMIAMO queste persone VIRTUALI, ma siamo molto sgarbati con chi pulisce le scale del nostro condominio, con il mercante a cui elemosiniamo sconti impossibili, con gli operai edili cercando di rubare qualcosa sul prezzo del loro lavoro e con tanti altri.

Questa è la nuova malattia: la virtualizzazione dei rapporti!


Preferiamo restare soli a sbavare davanti al nostro idolo preferito precludendoci la possibilità di conoscere persone REALI. Oppure, se non siamo così estremi, preferiamo riservare rispetto, amore e reverenza a un divo, piuttosto che a un nostro amico.
Siamo tutti esseri umani e tutti abbiamo delle qualità peculiari. Se uno solo di noi, anche il più limitato (poniamo il caso di una persona ignorante per pigrizia) dovesse diventare famoso, grazie alla tv o a internet, quella stessa persona diventerebbe un mito per le masse, ma per chi ha ancora un briciolo di raziocinio, resta sempre la persona di prima: una persona pigra e, di conseguenza, ignorante. Se nella nostra città c'è un tizio con una faccia normale, nessuno lo osserva con ammirazione! Ma se, tutto d'un tratto, una persona con la sua stessa faccia diventasse famosa, allora il tizio in questione diventerebbe un ‘figo’ e degno di ammirazione, solo perché assomiglia ad un divo.
Ricordiamoci che se stiamo usando il computer o il cellulare per leggere questo articolo è solo grazie ad una schiera di studiosi che hanno creato tutti questi programmi e supporti tecnologici che ci permettono di comunicare. Nessuno di noi sa chi sono queste persone ... eppure ogni nostro gesto quotidiano è legato a loro ed avviene solo GRAZIE a LORO. Le medicine che si assumono, non sappiamo neppure da chi sono state inventate, però sappiamo chi è l'attore famoso di turno, o la modella ultra sexy del momento!
Ora non stiamo dicendo di non seguire determinati divi o dive, ma la questione di cui si sta discutendo è l'atteggiamento con cui spesso si diventa fanatici a scapito di chi ci sta attorno ed è REALE. Di come si diventi sciocchi a scapito della propria intelligenza e autostima! Diventiamo delle pecore che scelgono di essere come qualcuno che non siamo e che non saremo mai (altrimenti saremmo nati in lui, nel suo corpo e nella sua mente).
Concludiamo questo articolo con una profonda riflessione: ciò che opera con il massimo della forza e da cui dipende tutto il creato è sempre celato nell'ombra. Spesso è umiliato, bestemmiato e nessuno crede in lui, nonostante ogni cosa, dalla più misera alla più grandiosa, sia opera sua. Ciò che è allo scoperto è solo una minima parte di tale forza! La gente spesso si focalizza su ciò che è effimero e dona potere a certe piccolezze. I veri potenti, le vere colonne, le vere radici sono sempre nel buio e disprezzano la fama ... La fama è solo un ostacolo per la loro grande e inestimabile opera.                   

- maestro di arti marziali energetiche
                                                                                           
Continuate a seguire "Sport e disciplina" Corpo e mente di uniscono per il raggiungimento del benessere...
   
 
 
 



APS Città dell'Infanzia C.F. 92072340729
© Copyright 2014-2018
Torna ai contenuti