Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

DETRAZIONI SPESE SCOLASTICHE

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in INFORMATIVE FISCALI E LEGALI ·
Tags: rimborsoscuolalibridetrazioni
Le spese scolastiche e d'istruzione che è possibile portare in detrazione fiscale con la dichiarazione dei redditi sono quelle sostenute per l'iscrizione e per la frequenza della scuola dell'infanzia, scuola del primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di primo grado di scuole statali e paritarie private) e della scuola secondaria di secondo grado. In particolare, le spese di istruzione sono detraibili per una spesa annua per ciascun alunno o studente pari a:
    • 564 euro per l'anno 2016;
    • 717 euro per l'anno 2017;
    • 786 per l'anno 2018;
    • 800 euro per l'anno 2019.     

Il rimborso fiscale sarà in ogni caso pari all'imposta lorda Irpef, ovvero del 19% del costo complessivo sostenuto entro il tetto di spesa sopra indicato.


Per distinguere correttamente le due tipologie di spesa scolastica si può fare riferimento alla Circolare 3/E 2016 ed alla Circolare 18/E del 06 maggio 2016 in cui l'Agenzia delle Entrate ha specificato che rientrano nella tipologia di spesa scolastica:
 
    • "la tassa di iscrizione, la tassa di frequenza e le spesa per la mensa scolastica";
    • "i contributi obbligatori, nonché i contributi volontari e le altre erogazioni liberali, deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica".
      
    I documenti utili ai fini della detrazione sono: ricevute o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti a tale titolo nel corso dell'anno e i dati dell'alunno o studente.
Come precisato nella stessa Circolare in ogni caso sono escluse dalla detrazione l'acquisto di materiale di cancelleria, strumenti musicali e di testi scolastici e delle spese sostenute per il servizio di trasporto scolastico, in quanto si tratta di un servizio alternativo al trasporto pubblico per il quale non è attualmente prevista alcuna agevolazione.                                                     
Sono anni che i librai chiedono detrazioni per i libri di testo, ma dai governi viene sempre detto loro che costa troppo, poi però ogni anno si legge, invece, che per altri interventi ci sono soldi!

- Commercialista                                               
Per saperne di più chiedi al commercialista di "Informative Fiscali" Per non rimanere impreparati di fronte alle possibilità...
     



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti