Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

CONOSCI IL TUO LIMITE O SFIDI TE STESSO FINO A CROLLARE?

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in SALUTE E BENESSERE ·
Tags: limitieccessidebolezzestress
Ammessa l’esistenza di un universo multidimensionale, la nostra realtà rappresenta una parte dell’intera, unica, dimensione universale. Dunque, con così tante realtà, ognuna ha delle sue regole e delle sue peculiarità. La nostra realtà è caratterizzata da una forte presenza di limiti: il nostro corpo è limitato, tutto è misurabile e tutto ciò che vediamo è destinato a finire.
Ma perché esistono questi limiti? I limiti sono indispensabili, perché noi siamo, fondamentalmente e tendenzialmente, immaturi e ignoranti. Poniamo un esempio: quando abbiamo a che fare con un nostro figlio, noi, in qualità di adulti e genitori, imponiamo dei limiti per far sì che il bimbo possa crescere in maniera sana. Allo stesso modo funziona questa realtà.
Siamo tutti bimbi a cui è stato assegnato un corpo che funge dagenitore limitante”.

NESSUNO in questa realtà può essere un peccatore perfetto! NESSUNO può eccedere oltre una certa soglia in qualcosa.

Questo perché i nostri corpi sono limitati (per fortuna) e, prima o poi, saremo costretti a fermarci. Immaginiamo un goloso in questa realtà: egli non potrebbe mangiare tutti i giorni a tutte le ore, poiché il corpo non glielo permetterebbe. Dicasi lo stesso per l’alcolizzato, per chi fa abuso sessuale, per chi è pigro...

Il corpo si RIBELLA dinnanzi ai nostri ABUSI.

Il nostro corpo ci aiuta ad insegnarci l’autodisciplina dei sensi. Se non avessimo un corpo limitato, tutti noi saremmo in un inferno dove ognuno, per tutto il tempo a disposizione, farebbe quello che più gli piace, per sempre, senza espandere se stesso su altri campi o livelli!
Ci sarebbe una spaventosa ignoranza.
Ma nonostante questo, molti, pur avendo un corpo, passano intere giornate in eccessi e abusi senza fermarsi neppure per dormire. Passano giornate intere a fare ciò che “piace” fino a crollare nello stress o in qualche malattia che fermi tutto questo!
Questa è la realtà del limite, dell’autodisciplina e della pazienza. Se ognuno di noi imparasse a darsi dei limiti, indipendentemente dai segnali del proprio corpo (malattie, malori, sazietà, stanchezza...), allora per noi non ci sarebbero più dei limiti.
Così come il padre vede che il proprio figlio è capace di “regolarsi da solo” e decide di lasciarlo libero di “esplorare il mondo”, allo stesso modo questa realtà agisce su di noi!

Più non conosciamo limiti e più la realtà ci limiterà!
Più accettiamo i limiti e impariamo da quest’ultimi, più i limiti si dissolveranno!


L’essere umano è una creatura che può essere a volte bestiale e altre divina, ma spesso appare bestiale ed impulsiva.

Tanto più bestiali siamo, tanto i limiti si rafforzano.

Se vogliamo apparire “adulti” agli occhi di questa realtà, dobbiamo imparare a “regolare noi stessi” senza eccedere nei vizi e nelle dipendenze.
A riguardo, vi propongo un esercizio: ogni volta che ci troviamo davanti a qualcosa che ci trasmette un forte impulso di attrazione o repulsione, proviamo a rallentare la nostra reazione e a disciplinarci! Se vedo un bel dolce o un piatto di pasta, e non ho davvero fame, non mi ci devo fiondare sopra per il sol gusto di buttarlo giù nello stomaco, ma posso provare a rinunciare a quella prelibatezza. Se vedo una buona occasione per fare a pugni, e non si tratta di vita o di morte, non devo trasformarmi in un pugile furioso, ma posso provare a non reagire a quell’impulso. Se il corpo è stanco e ho la possibilità di riposare, non devo andare a fare cose, giusto perché non voglio fermarmi, ma posso provare a fermarmi da solo prima che lo faccia corpo. In questa realtà tutto finisce ... ma in quella che verrà dopo le cose possono trascinarci in eterno senza che ci sia un corpo a limitarci e a trattenerci dagli eccessi! Se non si crede a realtà successive a queste, basta soltanto comprendere che essere bestiali ed eccessivamente reattivi (privi di equilibrio) ci porta inevitabilmente ad una malattia e alla sofferenza (il corpo cerca con i suoi limiti di fermarci), per cui riflettiamo su quanto siamo fortunati ad avere un corpo come maestro del limite!

maestro di arti marziali energetiche

                                                                                           
Continuate a seguire "".
Corpo e mente di uniscono per il raggiungimento del benessere...
 
 
 
   
 
 
       
 
     



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti