ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE, ANF. PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO - Professionisti online - Città dell'Infanzia

Entra nel sito di cittadellinfanzia
Vai ai contenuti

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE, ANF. PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO

Città dell'Infanzia
Pubblicato da in INFORMATIVE FISCALI E LEGALI ·
Tags: assegnofamiglialavoratori
Dal 1 luglio, decorrono i nuovi importi dell'Assegno al nucleo familiare (ANF) validi fino al 30 giugno del prossimo anno. I livelli di reddito familiare per la corresponsione dell'assegno sono rivalutati su base annua in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo, in base ai calcoli ISTAT. In generale, l'importo dell'assegno è calcolato in base al numero dei componenti e al reddito complessivo IRPEF dell'anno precedente del nucleo familiare.
Si considerano inclusi nel nucleo familiare il richiedente l'assegno, il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, la parte di unione civile non sciolta dall'unione, i figli o equiparati di età inferiore a 18 anni, conviventi o meno, oppure con età compresa tra i 18 ed i 21 anni purché studenti o apprendisti, se il nucleo familiare è "numeroso" (composto da più di 3 figli di età inferiore a 26 anni). Inoltre vanno inclusi i figli maggiorenni inabili che si trovano nell'assoluta e permanente impossibilità di lavorare, nonché i fratelli, le sorelle e i nipoti del richiedente, minori di età o maggiorenni inabili, se orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto alla pensione ai superstiti.

Ne possono usufruire i lavoratori dipendenti, i lavoratori domestici, gli iscritti alla Gestione Separata, i titolari di pensione nonché i titolari di prestazioni previdenziali.
Le variazioni, di reddito o di composizione del nucleo familiare, dovranno essere comunicate al datore di lavoro entro 30 giorni dal loro verificarsi.
I lavoratori extracomunitari (esclusi quelli con contratto di lavoro stagionale) hanno diritto all'assegno per il nucleo familiare:
    • solo per i familiari residenti in Italia, nel caso in cui il paese di provenienza del lavoratore straniero non abbia stipulato con l'Italia una convenzione in materia di trattamenti di famiglia;
    • anche per i familiari residenti all'estero, nel caso in cui il paese di provenienza del lavoratore straniero abbia stipulato con l'Italia una convenzione in materia di trattamenti di famiglia;
    • anche per i familiari residenti all'estero, nel caso in cui il lavoratore straniero, anche se il suo paese non è convenzionato con l'Italia, abbia la residenza legale in Italia e sia stato assicurato nei regimi previdenziali di almeno due stati membri.
      I lavoratori stranieri rifugiati politici, in conseguenza dell'equiparazione ai cittadini italiani, hanno      diritto all'assegno anche per i familiari residenti all'estero.
L' assegno al nucleo familiare, pertanto, non è previsto per i lavoratori autonomi
( professionisti, imprenditori).

  - Commercialista
Per saperne di più chiedi al commercialista di "Informative Fiscali" Per non rimanere impreparati di fronte alle possibilità...
     



APS Città dell'Infanzia C.F. 92072340729
© Copyright 2014-2018
Torna ai contenuti