Diritti umani - Cittadellinfanzia

Vai ai contenuti

Abbi PAZIENZA: i momenti difficili passano ma tu MIGLIORA te stesso! Non arrenderti mai alla MEDIOCRITÀ

Cittadellinfanzia
Pubblicato da in APPRENDIMENTO · 19 Novembre 2019
Tags: conoscenzavitaesperienza
La più grande verità della condizione umana è quella del cammino, del non fermarsi. In ogni istante della vita ci si ritrova sempre a ricominciare. Ènecessario imparare a non guardarsi troppo indietro, ma a focalizzare la propria attenzione sul presente con uno sguardo verso il futuro. Il segreto e la lectio divina sono questi: riprendere, risorgere, ricominciare sempre da se stessi, dalla propria storia, dalle proprie ferite e dai propri dolori, da ciò che sembra una fine, affinché sia, in realtà, l’inizio di tutto.
“La felicità è pensare che nulla è così importante”.
È vero... se si riesce a tornare in se stessi, si può vedere che il tutto è già dentro di noi e null’altro è così importante, anche se lo credevamo tale. Noi stessi siamo importanti e lo siamo sempre, pur se soggetti a cambiamenti. Quando finalmente si riesce a comprendere ciò ci si sente più leggeri. Naturalmente occorre un percorso per arrivare a questa consapevolezza e percezione. Trattasi, infatti, di un cammino non semplice, in quanto le crisi sono accompagnate sempre da sofferenza, proprio perché portano ad una trasformazione. Come ben si sa, i percorsi sono sempre in salita, soprattutto quelli che fanno crescere più di quanto non lo si è già. È proprio grazie a queste salite, infatti, che si diventa saggi, dato che le crisi sono foriere di grossi cambiamenti. Le persone che incontriamo durante queste salite o discese o pianure ci apportano sempre qualcosa, bella o brutta che sia, in ogni caso sempre un pezzo in più alla nostra crescita personale, perché sicuramente siamo orientati verso qualcosa di più grande che al momento è difficile capire, verso l’infinito ed oltre.

Come ben sostiene Jules Evans, nella vita capita a tutti di trovarsi in situazioni spiacevoli che non si possono modificare nell’immediato.

In tali periodi difficili o stressanti, l’unica cosa che possiamo fare è avere pazienza. Bisogna aspettare il momento opportuno, aspettare che la situazione cambi.



Nel frattempo, possiamo sfruttare la situazione per cambiare noi stessi, cioè possiamo considerarla come un’opportunità per agire, per sviluppare la nostra libertà interiore e la capacità di essere superiori agli eventi. Dice Epitteto: “Sono le circostanze difficili a mostrare quanto valgono gli uomini”, ricordando sempre la differenza che esiste tra cos’è in nostro potere e cosa non lo è. Molti eventi della nostra vita, infatti, non dipendono da noi, come, ad esempio, il passato o il comportamento e i pensieri degli altri. Dunque non ha nemmeno senso essere infelici per i problemi degli altri. Le cose esterne non hanno alcun potere su di noi se non glielo lasciamo. L’unica cosa in nostro potere sono i nostri pensieri, le nostre scelte di vita, il nostro comportamento, le nostre azioni. (Cfr. Jules Evans, Filosofia per la vitae altri momenti difficili) Detto questo cari lettori, siate coraggiosi, sognate in grande, amatevi, credete in voi stessi ed in Qualcuno più grande di voi, continuate a cercare, non fermatevi, cercate l’infinito, non arrendetevi mai alla mediocrità! Non accontentatevi! Siate semplici e sinceri! Testa alta, sguardo dritto, cuore in mano! Come afferma Steve Jobs: “Siate affamati. Siate folli”
“Il miglior momento per piantare un albero era vent’anni fa; il secondo miglior momento è ora" (Proverbio cinese)
“Per ogni uomo l’esistenza ricomincia sempre come una realtà nuova” (Romano Guardini)

Pedagogista - Consulente Filosofico, Bioetico e Pedagogico

Chiedi alla pedagogista di "Apprendimento e Relazioni".
Leggendo attraverso anima e relazioni
     
 
 
   
             



Editore: APS Città dell'Infanzia C.F.92072340729
© Copyright 2014-2019
Città dell'Infanzia
Direttore Responsabile: Serena Gisotti
Torna ai contenuti