"A SCUOLA CON...I NONNI". IL RACCONTO DI UNA GIORNATA CON I NUOVI EROI - Articoli di Redazione | Attualità - Città dell'Infanzia

Vai ai contenuti

"A SCUOLA CON...I NONNI". IL RACCONTO DI UNA GIORNATA CON I NUOVI EROI

Città dell'Infanzia
Pubblicato da in PARLIAMO DI... ·
Chi segue da tempo il portale cittadellinfanzia.it sa che verità e bellezza sono i comuni denominatori di un racconto che pone la vita al centro dell'universo. Qualche giorno fa è giunta in redazione la testimonianza di una maestra che riteniamo sia la conferma di grande valore interirorizzato e trasmesso da quella che definiamo "Terza Età" che altro non è se non la generazione dei nuovi supereroi che sostengono con forti braccia una "famiglia odierna" molto fragile e, forse, soverchiata dalla parossistica rapidità di lancette che scorrono rincorrendo se stesse. Ecco qui il resoconto di una giornata speciale, in occasione della festa dei nonni 2017, che ha permesso l'incontro e il confronto tra due mondi.
<<E’ la mattina di martedì 3 ottobre quando si affacciano alla porta della classe 1^ B della  Scuola Primaria “Papa Giovanni XXIII” le signore Antonia e Lucia, le due splendide nonne di Maria Francesca, che con gentilezza e disponibilità hanno accettato l’invito a trascorrere un’oretta insieme, per parlarci dei tempi in cui sono state bambine anche loro.
Con i  volti rassicuranti e sorridenti si sono lasciate intervistare dai piccoli che , insieme alle insegnanti di classe, hanno posto loro domande sulla scuola, sui cibi più frequentemente consumati, sui giochi e passatempi, sgranando spesso i loro occhioni increduli al solo sentir raccontare che ci si riuniva solo molto di rado a casa del vicino “più fortunato” che aveva in casa un televisore, che la merenda non veniva consumata, che la colazione era a base di semplice pane e latte, che a scuola scrivevano col pennino, nel timore che , una volta spuntato, non potesse essere subito sostituito e ricomprato dai genitori.
Per non parlare della difficoltà nel concepire interi pomeriggi senza Play Station o nel progettare spostamenti a piedi o in carrozza, per chi se lo poteva permettere.
Ma dai racconti e’ emerso anche un grande cambiamento della città di Trani, non sempre in meglio, e soprattutto nei rapporti umani: pur senza cellulare e telefono era più facile creare una rete di mutuo soccorso con i vicini di casa, per il sol fatto che spesso le porte restavano aperte, in quanto non vi erano così tanti pericoli.
E tenero è stato il ricordo delle serate trascorse intorno al braciere per scaldarsi anche il cuore con storie e racconti improvvisati dai genitori .
Le signore  Antonia e Lucia sono state per i piccoli alunni della 1^ B la conferma alle parole espresse da Papa Francesco che ha definito i nonni  “ radici e memoria di un popolo,tesoro prezioso per guardare al futuro con responsabilità”. Sì, perché nella società della velocità è bello riappropriarsi di ritmi meno frenetici e di quei sani valori che dovrebbero essere alla base della vita.
La Festa dei Nonni, dunque, è diventata un’occasione di incontro tra le generazioni con testimoni di un passato che appartiene a noi tutti.
Grazie, nonne Antonia e Lucia!>>
Ins. Barbara Carpentieri – 3^ C.D.”G.D’Annunzio”-Scuola Primaria “Papa Giovanni XXIII” Trani-

Sempre con occhio attento verso l'avvenire, in un cammino che possa divenire faro nell'oscurità. Grazie maestra Barbara.







© 2014-2018 APS Città dell'Infanzia
info@cittadellinfanzia.it Tel. 3927319726
Tel. 392 731 9726


C.F. 92072340729

Newsletter

Entra nella nostra chat WhatsApp
Chiat Messenger
Torna ai contenuti